10
December , 2018
Monday

Notiziario TMC

Notiziario di informazione di musica e danza curato da M.Piscitelli

CESARIA EVORA 1941 – 2011

Posted by admin On febbraio - 5 - 2012

La morte della diva capoverdiana, regina nostalgica della world music

Cesaria Evora “Cize” per i suoi amici, è nata il 27 agosto del 1941 a Midelo sull’isola di San Vicente, Capo Verde.
Cesaria Evora è la più conosciuta interprete della “morna”, stile che unisce le percussioni dell’Africa occidentale con il fado portoghese, la musica brasiliana e i canti di mare britannici.

Cesaria Evora, “Cize” per i suoi amici, grazie alla sua grande voce e al suo aspetto stupefacente si mise presto in luce, ma le sue speranze di diventare una cantante professionista non si realizzarono completamente.

L’inizio del suo successo internazionale data al ’91, quando Cesaria Evora aveva già cinquant’anni: una donna non giovane, non bella, che per di più cantava canzoni non esattamente gioiose. Vent’anni fa l’exploit della Evora fu una delle più potenti conferme del fenomeno della world music, capace di portare alla ribalta mondiale universi che fino a quel momento musicalmente si erano rivolti solo a se stessi: e persino universi piccolissimi come il Capo Verde, una manciata di isole nell’Atlantico, più diverse isole di terraferma, quelle delle comunità – più di metà dei capoverdiani del pianeta – che hanno trovato approdo a Dakar o Lisbona, a Rotterdam o Boston. Cesaria diventò l’ambasciatrice della sodade, quella sorta di malinconia capoverdiana in cui si esprime vuoi lo struggimento esistenziale del sentirsi abbandonati in mezzo all’oceano, vuoi una plurisecolare storia di sofferenze, vuoi il senso della lontananza dal proprio paese dell’emigrato.
Fenomeno nel fenomeno della world music, Cesaria si impose con una musica eminentemente acustica. José da Silva, il produttore artefice della sua trasformazione in una star, ha raccontato della rivelazione che ebbe al festival di Angoulême nel giugno del ’91: Cesaria è presentata in un set double face, parte elettrico e parte acustico; si comincia con l’elettrico, e il pubblico è indifferente; quando poi si passa all’acustico, la platea rimane ipnotizzata. Mentre Mory Kante tenta disperatamente di bissare il colpo di “Yeke Yeke” (e continuerà sempre più pateticamente per un pezzo), e Salif Keita ammazza la propria voce prodigiosa in un sovraccarico di rock, funk, elettronica, tastiere e batterie (e anche lui continuerà a suicidarsi ancora a lungo), Cesaria infligge un durissimo colpo all’idea che per sfondare la world music debba fare concorrenza a Peter Gabriel. In fondo Cesaria Evora è un Buena Vista Social Club ante litteram e senza neanche bisogno di un Ry Cooder: e con la differenza che mentre nel ’97 l’album della World Circuit propone un’immagine nostalgica e di comodo di Cuba, nel ’91 la Evora comincia ad attirare l’attenzione internazionale con un patrimonio musicale che pur essendosi formato in epoche precedenti, è ancora pienamente attivo in quella identità collettiva capoverdiana di cui la musica dell’arcipelago è un elemento così essenziale. Anche se a ben vedere nel suo successo più che la autenticità reale della Evora come portatrice di una tradizione culturale e di un repertorio ha contato lo stesso astorico bisogno di “autenticità” e romanticismo che il pubblico occidentale ha indirizzato verso gli ottuagenari cubani.

. Quando arrivò al successo, Cesaria era una persona ferita da grandi delusioni, come cantante e come donna, in un contesto capoverdiano di per sé non allegro: e ascoltandola in questi vent’anni, fino al tour di quest’estate, l’impressione è rimasta che il successo sia stato per lei una rivincita, ma non sia bastato a renderla, anche se tardivamente, felice.

Piscitelli M.

 

Il giornale della musica

Both comments and pings are currently closed.

Comments are closed.

© 2010 Notiziario TMC