10
December , 2018
Monday

Notiziario TMC

Notiziario di informazione di musica e danza curato da M.Piscitelli

La Bacheca dei Concerti - I nostri viaggi musicali -

Archivio per ‘Conservatori’ Category

Corsi Accademici Conservatorio Na

Posted by admin On marzo - 17 - 2013 Commenti disabilitati

PROCEDURA DI INDIVIDUAZIONE DI DOCENTI


 


INTERNI ED ESTERNI


PER LE DISCIPLINE DEI CORSI ACCADEMICI DI I E II LIVELLO A.A.

2012/2013

Documenti da scaricare

www.sanpietroamajella.it

Lettera di una pianista emigrata all’estero

Posted by admin On ottobre - 16 - 2012 Commenti disabilitati

L’ESPERIENZA ALL’ESTERO NON VALE NULLA

Mi chiamo Fiammetta Facchini e dal 2001 vivo in Portogallo, dove ho un bel lavoro che mi gratifica economicamente e professionalmente. Orfana di padre giá all’epoca, con una madre che percepisce una pensione minima e una sorella con lavoro precario, non ebbi molta scelta. Prima di partire avevo fatto delle supplenze in due conservatori (sono pianista ed ero in graduatoria nazionale), ma non era bastato per passare di ruolo. Cosí la scelta fu quasi obbligata: infatti l’alternativa era rimanere in Italia, con lavori occasionali (qualche concerto, qualche lezione privata) senza nessuna possibilità di crescita. In Portogallo ci sono stata bene e ci sto bene ma, dopo 11 anni, non mi dispiacerebbe rimettere un piede in Italia, dove si trovano tutte le persone più care che mi restano. Così, ho deciso di fare le domande per le supplenze nei Conservatori che scadono in questi giorni. Ieri, con mio grande disappunto e dispiacere ho dato un’occhiata alla valutazione dei titoli ed ho scoperto che per ogni anno di insegnamento prestato all’estero in scuole di pari livello il punteggio é di 1, contro i 3,6 per chi ha insegnato in Italia!!!
Scrivo per denunciare questa cosa che non si giustifica in nessun modo. Non solo siamo stati “costretti” a emigrare per trovare lavoro, adesso siamo anche discriminati nella valutazione del servizio prestato, lontano dai nosri amori e famiglie, imparando nuove lingue e adattandoci a modi di vivere differenti.
Non scrivo solo per me, ma anche per coloro che, come me, hanno dovuto fare questa scelta e che si trovano a dover continuare a pagare un prezzo molto alto per il beneficio di un pugno di persone. Sará che i nostri Conservatori sono migliori delle altre scuole europee e che i nostri docenti sono “speciali” e tutti gli altri degli incapaci che devono lavorare quasi 4 anni per avere lo stesso punteggio di un italiano che resta in casa a lavorare?
Tra l’altro, i nostri docenti di Conservatorio, in Italia, lavorano 12 ore settimanali contro le 22 all’estero. Ed io, per molti anni, ho potuto accumulare fino a 32 ore settimanali, continuando a studiare, preparando concerti e cercando di avere una vita “normale”..
Denuncio a gran voce e spero che si possa presto fare qualcosa per eliminare quest’ altra vergogna italiana.
Fiammetta Facchini

 

Iscrizioni Corsi Ordinamentali 2012/13 Conservatorio NA

Posted by admin On luglio - 11 - 2012 Commenti disabilitati

Francesco Jerace - Beethoven (particolare, Napoli, Conservatorio di musica S.Pietro a Maiella, 18.jpg
Francesco Jerace – Beethoven (particolare, Napoli, Conservatorio di musica S.Pietro a Maiella, 18

Iscrizioni corsi ordinamentali a.a. 2012 2013

Conservatorio – Segreteria Didattica

22 giugno 2012

In allegato le norme ed i moduli per l’iscrizione ai corsi ordinamentali per l’a.a. 2012 – 2013.

Documenti da scaricare

 

 

 

 

 

I corsi

 

Didattica della Musica

Come ci si iscrive in Conservatorio e sino a quale età è possibile? Come si diventa musicisti? Qual è il percorso di studio, quali gli esami principali e i complementari da sostenere? Quale è la durata dei corsi e come è regolata la frequenza?…
Si potrebbe andare all’infinito elencando tutte le domande che si affollano nella mente di tanti giovani e giovanissimi, attirati dallo studio della musica e spesso rinunciatari proprio per le difficoltà di ricevere risposte utili e indicazioni valide.
Ebbene, in questa sezione si può trovare tutto ciò che lo studente vuole e deve sapere, una guida esaustiva che permetta un chiaro e personalizzato orientamento didattico.
Ebbene, in questa sezione si può trovare tutto ciò che lo studente vuole e deve sapere, una guida esaustiva che permetta un chiaro e personalizzato orientamento didattico.

 

 

Francesco Jerace - Beethoven (particolare, Napoli, Conservatorio di musica S.Pietro a Maiella, 12.jpg

Il Museo_Conservatorio S.Pietro a Maiella Na

Posted by admin On luglio - 11 - 2012 Commenti disabilitati

Il Museo del Conservatorio San Pietro a Majella è una meravigliosa scoperta. Vi si trovano strumenti antichi e preziosi come l’arpetta di Stradivari, o gli splendidi archi, molti dei quali costruiti nella prestigiosa scuola napoletana di liuteria, o gli strumenti a fiato e i plettri rilucenti di intarsi di madreperla; o ancora gli strumenti a tastiera, come il pregiato fortepiano, il cembalo di Caterina II di Russia, i pianoforti di Mercadante e di Thalberg. Ovale in gesso: profilo di N. Chevalier con alloro in testa

Né mancano cimeli storici, testimonianze spesso commoventi della presenza, negli antichi orfanotrofi, prima, nel Conservatorio di San Pietro a Majella, poi, di artisti eccezionali. Ed ancora la preziosa quadreria con i ritratti dei celebri compositori della scuola napoletana. Le didascalie delle opere presenti in questo sito web sono state tratte dal libro: Dal Segno al Suono – Il Conservatorio di Musica San Pietro a Majella, prodotto con il patrocinio e il contributo della Compagnia di San Paolo. Repertorio del patrimonio storico – artistico e degli strumenti musicali a cura di Gemma Cautela – Luigi Sisto – Lorella Starita.

http://www.sanpietroamajella.it/index.php?it/99/il-museo

Conservatorio Napoli

CONSERVATORIO “G. VERDI” DI MILANO

Posted by admin On maggio - 6 - 2012 Commenti disabilitati

INCONTRI IN MUSICA

PRESSO IL


CONSERVATORIO “G. VERDI”

DI MILANO

LA MUSICA PER FLAUTO DI


WOLFGANG AMADEUS MOZART

NONO APPUNTAMENTO


VOLTREVISANI



Incontri in musica “Conservatorio di Milano”

Posted by admin On febbraio - 29 - 2012 Commenti disabilitati
8/9 Marzo
 

AL SETTIMO APPUNTAMENTO DI
INCONTRI IN MUSICA

PRESSO IL
CONSERVATORIO “G. VERDI” DI MILANO

JOHANN SEBASTIAN BACH
FANTASIE CROMATICHE
conversazione con
CLAUDIO BRIZI E MARIO ANCILLOTTI

INGRESSO LIBERO

 

L’elisir d’amore 17 e 18 marzo 2012

 

L’Elisir d’amore” di Gaetano Donizetti: ecco quanto propone per il 2012 il Laboratorio Opera-Studio, che rilegge la pagina del Maestro bergamasco in modo moderno ed accattivante.

La rappresentazione è programmata per domenica 18 marzo alle ore 21.00 in Sala Verdi.

 

 

__I vecchi diplomi

Posted by admin On febbraio - 11 - 2012 Commenti disabilitati

I DIPLOMI DI I LIVELLO

Il Ministro dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca ha fatto fare un altro passo avanti alla riforma dei Conservatori: il 3 luglio ha individuato i «settori artistico-disciplinari», il 30 settembre ha definito i diplomi di I livello (corsi triennali). Poco è mutato rispetto al testo discusso dal CNAM quasi tre anni fa: su queste pagine ne avevo evidenziate luci e ombre (febbraio 2008).
È rimasta la formula di rito che apre la declaratoria di ciascun diploma: «Al termine degli studi … gli studenti devono aver acquisito competenze tecniche ed artistiche specifiche tali da consentire loro di realizzare concretamente la propria idea artistica», dall’arpa al violoncello barocco. Solo il buon senso e le buone pratiche, nella realtà quotidiana dell’insegnamento-apprendimento, potranno temperare i rischi insiti in una visione così sbilanciata verso il mito dell’individualità creatrice. Rimane comunque indigesta l’idea che il diplomato in Didattica della musica debba realizzare «la propria idea didattico-artistica»: un monstrum, dal punto di vista della Pedagogia generale e della Didattica generale.
A proposito della classe di Didattica della musica, faccio poi due osservazioni. Tra le prospettive occupazionali è caduta, rispetto al testo del 2007, quella dell’«operatore musicale nell’ambito della scuola dell’infanzia e primaria»; rimane, un po’ generica ed evasiva, quella dell’«operatore musicale nell’ambito di iniziative relative alla propedeuticità alla musica e allo studio dello strumento». Il primo dei due sbocchi dev’essere stato cassato perché il nuovo regolamento sulla formazione iniziale degli insegnanti saggiamente prescrive che nella scuola dell’infanzia e primaria si andrà a insegnare al termine di «un corso di laurea magistrale quinquennale a ciclo unico», con tirocinio. Può dunque darsi che ritroveremo questo sbocco tra i diplomi di secondo livello: speriamo che nel frattempo cada il grottesco pennacchio della «propria idea didattico-artistica».

Conservatorio

Posted by admin On gennaio - 7 - 2012 Commenti disabilitati

CONSERVATORIO/  la mancata

riforma degli studi musicali

 

Il mese scorso è stato approvato al Senato un Disegno di legge (il  DDL 1693) molto importante per i musicisti italiani. Si tratta di una norma relativa alla Riforma degli Studi musicali che, tra le altre cose, dispone l’equiparazione dei Diplomi di Conservatorio del vecchio ordinamento ai Diplomi accademici di II livello del nuovo ordinamento (lauree magistrali).
Disposizione molto importante perché, finalmente dopo 10 anni, cancella una grave ingiustizia; quella che nel lontano 2002 subirono tutti i musicisti italiani, a causa di un Decreto Legge che svilì il loro Diploma di Conservatorio, equiparandolo solo al nuovo Diploma di 1^ livello invece che a quello di 2^ livello; “il massimo” titolo accademico posseduto da ogni musicista (e che formalmente rappresentava da sempre la gloriosa cultura musicale espressa dal nostro paese ed esportata in tutto il mondo) diveniva in un sol colpo “il minimo” titolo accademico.

www.il sussidiario.net

Il Barbiere di “Siviglia” approda alla Reggia di Caserta

Posted by admin On settembre - 9 - 2011 Commenti disabilitati

“Il Barbiere di Siviglia”

 

Una cornice veramente regale, quella offerta dal Teatro di Corte della Reggia di Caserta, il cui pubblico ha ieri accolto con un entusiasmo d’altri tempi l’Orchestra, i Solisti e il Coro del Conservatorio Statale di Musica “Nicola Sala” di Benevento per la rappresentazione del melodramma buffo in due atti “Il Barbiere di Siviglia” di Gioachino Rossini, su libretto di Cesare Sterbini. L’iniziativa – come sottolineato dal Presidente del Conservatorio Achille Mottola - è stata resa possibile grazie ad una speciale convenzione recentemente rinnovata tra la Direzione Generale dell’Alta Formazione Artistica Musicale e Coreutica del Ministero dell’Università e della Ricerca e laDirezione Generale della Valorizzazione dei Beni Culturali, in virtù della quale tutti gli spazi che sono proprietà dello Stato e si trovano sotto l’egida dei Beni Culturali, possono essere utilizzati gratuitamente dalle Istituzioni di Alta Formazione Artistica, Musicale Coreutica, cioè i Conservatori, le Accademie di Belle Arti, le Accademia di Danza e di Arte Drammatica.Ciò  lascia quindi prevedere scenari artistici futuri assolutamente interessanti per l’intero territorio campano e a giudicare dalla performance espressa dagli artisti impegnati nella rappresentazione del “Barbiere”, assai gradevoli per il pubblico, che ha omaggiato il regista M° Emanuele Di Muro, le maestranze tutte, l’Orchestra, i Solisti e il Coro impegnati nella rappresentazione, con una interminabile standing ovation.

 

 

Biblioteca Conservatorio S Cecilia.

Posted by admin On settembre - 8 - 2011 Commenti disabilitati

 

Bibliotecario:
Prof. Domenico Carboni

Orario:

  • Lunedì – Mercoledì – Venerdì
    dalle ore 9,00 alle ore 16,30
  • Martedì – Giovedì
    dalle ore 9,00 alle ore 12,30
  • Sabato riposo settimanale.

Regolamento

  1. La storia della Biblioteca: Centoventi anni di storia
  2. Viaggio fra gli scaffali
  3. Verso il Duemila

Appendici

  1. Il patrimonio della Biblioteca
  2. Incremento nel decennio 1984-1994
  3. Mostre e collaborazioni nel quadriennio 1991-1994.

 

Monografie (Archivio Capitolino): http://opacapitolino.caspur.it/

per informazioni: archivio.capitolino@comune.roma.it

 

© 2010 Notiziario TMC