11
December , 2018
Tuesday

Notiziario TMC

Notiziario di informazione di musica e danza curato da M.Piscitelli

La Bacheca dei Concerti - I nostri viaggi musicali -

Archivio per ‘Musica Classica’ Category

Auditorium Parco della Musica RM

Posted by admin On novembre - 20 - 2012 1 COMMENT
Accademia Nazionale di santacecilia
 

Invito alla musica è la formula “leggera” di abbonamento alla grande musica dal vivo, che consente all’appassionato e al neofita di seguire il meglio della Stagione Sinfonica e Cameristica dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia. Fra i 26 concerti suggeriti è possibile personalizzare il proprio carnet, scegliendo 13 concerti tra Musica Sinfonica e Musica da Camera.

I concerti li scegli tu. Puoi creare liberamente il tuo carnet scegliendo 8 Concerti Sinfonici 5 Concerti Cameristici fra quelli proposti.

Clicca e visualizza la brochure stampabile di Invito alla Musica

Formule già a partire da 189 Euro

Agevolazioni
Per gli abbonati alla Stagione Sinfonica e da Camera è prevista una riduzione del 10% per l’acquisto del carnet Invito alla Musica.

Speciale giovani
Per i giovani fino a 30 anni riduzione del 50%.

Come acquistarlo
Presso il Botteghino dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia – Auditorium Parco della Musica, Viale Pietro de Coubertin. Tutti i giorni dalle 11 alle 20, infoline 06.8082058.
Oppure telefonando al Call Center Lottomatica Italia Servizi tel. 892.982 (vendita telefonica con carta di credito – servizio a pagamento). Lunedì-sabato ore 10-13/14-18.

Quando acquistarlo
da oggi stesso fino all’11 dicembre 2012

 

 

 

 

 

 

 

seguici su twitter diventa fan su Facebook
Accademia Nazionale di Santa Cecilia . www.santacecilia.it . 06.8082058
Auditorium Parco della Musica – Roma, Viale de Coubertin
Ai sensi dell’art. 13 del nuovo codice sulla privacy (D.Lgs 196 del 30 giugno 2003), le e-mail informative e le newsletter possono essere inviate solo con il consenso del destinatario. La informiamo che il Suo indirizzo si trova nel database dell?Accademia Nazionale di Santa Cecilia perché espressamente da Lei richiesto o perché da noi reperito navigando in rete, o da e-mail che l’hanno resa pubblica. Le abbiamo inviato fino ad oggi informazioni riguardanti le nostre attività mediante l?indirizzo e-mail: info@santacecilia.it Sperando che le nostre comunicazioni siano per Lei interessanti, Le assicuriamo che i Suoi dati saranno trattati con estrema riservatezza e non verranno divulgati. Le informative hanno carattere periodico e sono comunicate individualmente ai singoli interessati, anche se trattate con l’ausilio di spedizioni collettive. In ogni momento sarà possibile chiedere di essere rimossi dall’elenco dei destinatari delle Newsletters informative inviando una e-mail con scritto “CANCELLAMI” nella casella dell’oggetto. Una non risposta, invece, varrà come consenso alla spedizione dei nostri invii.

Copyright © 2012 – Aruba S.p.A. – tutti i diritti riservati

Fryderyk Franciszek Chopin

Posted by admin On ottobre - 26 - 2010 Commenti disabilitati

Fryderyk Franciszek Chopin, il cui nome è noto anche nella variante francesizzata Frédéric François Chopin (Żelazowa Wola, 1º marzo 1810 – Parigi, 17 ottobre 1849), è stato un compositore e pianista polacco. È considerato il più grande compositore polacco ed uno dei più grandi compositori per pianoforte di tutti i tempi.

Tra i rappresentanti principali del romanticismo, nella sua musica convergono al tempo stesso elementi di derivazione classica: l’equilibrio tra le parti, l’estrema precisione della scrittura, la perfezione stilistica.

Il suo linguaggio musicale è stato influenzato da alcuni compositori preromantici, allora molto noti, come Johann Nepomuk Hummel, John Field e Maria Szymanowska, che gli trasmisero l’inclinazione all’inquietudine e al pessimismo e, sul piano strettamente musicale, la tendenza ad ampliare le possibilità della modulazione.

La musica di Chopin è profondamente influenzata anche dal “dialetto musicale” polacco: la musica popolare del suo paese.

Infine, le sue melodie traspongono sul pianoforte l’ampio respiro e il morbido fraseggio del melodramma italiano contemporaneo, in particolare di Vincenzo Bellini.

Dal 1927 viene organizzato in Polonia il Concorso Pianistico Internazionale Frédéric Chopin, il primo concorso monografico del mondo, fondato da Jerzy Żurawlew e che lanciò, tra gli altri, anche Maurizio Pollini.

Tra i più celebri studiosi del musicista polacco figurano Gastone Belotti e Jaroslaw Iwaszkiewicz.

Addio a Joan Sutherland

Posted by admin On ottobre - 26 - 2010 Commenti disabilitati

Nel giorno in cui la lirica ricorda il 127esimo compleanno di Giuseppe Verdi, il 10 ottobre u.s., si è spenta un’altra stella del firmamento operistico: il soprano australiano Joan Sutherland, “La Stupenda”, come i melomani amavano chiamarla. Un soprannome che le venne dato dopo l’esecuzione alla Fenice di Venezia nel 1960 dell’“Alcina” di Haendel, per la bellezza del suo timbro e la straordinaria agilità della sua voce.

Si è spenta all’età di 83 anni a Les Avants, vicino a Montreaux in Svizzera, dove si era ritirata con il marito Richard Bonynge, direttore d’orchestra, australiano come lei, dopo aver abbandonato le scene 20 anni fa.

Dal suo debutto agli inizi degli anni Cinquanta, con la sua voce e la sua tecnica non ha mai smesso di stupire il pubblico, soprattutto a partire dalla “Lucia di Lammermoor” di Gaetano Donizetti, a Londra nel 1959 con la regia di Franco Zeffirelli e la direzione di Tullio Serafin, che la lanciò nel firmamento delle grandi dive dell’opera e la lanciò in una carriera lunga oltre quarant’anni.

Con lei, la natura è stata generosa perchè l’ha dotata di una voce caratterizzata da un bellissimo timbro, prodigiosa omogeneità, notevole volume e straordinaria estensione.

Il suo talento era supportato da intelligenza e volontà che le hanno consentito, attraverso lo studio rigoroso e continuato, di raggiungere una tecnica sopraffina che le consentiva l’esecuzione di sopraccuti limpidi e penetranti e agilità perfette, un controllo dinamico assoluto e un legato da manuale.

I primi anni la vedono affrontare una vastità di ruoli. Spaziando da Mozart a Wagner, da Haendel a Henry Purcell, da Donizetti e Rossini, da Verdi a Puccini, senza dimenticare l’opera francese, la Sutherland era a suo agio nel repertorio drammatico come in quello comico, grazie anche al carisma e alla presenza scenica.
Insieme al mezzosoprano Marilyn Horne, Joan Sutherland è stata anche la protagonista della cosiddetta “Rossini Reinassance”.
Guidata nelle scelte dal marito, si è concentrata sul melodramma italiano della prima metà dell’Ottocento. Grazie a lei sono tornati in repertorio capolavori e opere meno conosciute, spesso non più rappresentate. Il debutto alla Scala è del 1961, con la “Beatrice di Tenda” di Vincenzo Bellini, altra opera all’epoca quasi ignorata.

Sempre insieme al marito contribuì anche a lanciare il giovane Luciano Pavarotti, infatti, il tenore al tempo non era molto conosciuto, ma Bonynge lo scritturò per delle tourneè con la moglie, per due motivi: per la bella voce e per la stazza adeguata all’altezza del soprano australiano.

Pur soprannominata “la Stupenda“, non cedette mai il passo al divismo e si concentrò esclusivamente sul suo lavoro.

La sua voce ora continuerà a risuonare armoniosa tra il coro degli angeli.

La meravigliosa musica classica

Posted by admin On ottobre - 26 - 2010 Commenti disabilitati

La musica è l’arte e la scienza dei suoni nel tempo.

Si tratta di arte in quanto complesso di norme pratiche idonee a conseguire determinati gradevoli effetti sonori, che riescono ad esprimere l’interiorità dell’individuo; si tratta di scienza in quanto studio della nascita, dell’evoluzione e dell’analisi dell’intima struttura della musica.

Il generare suoni avviene mediante il canto o mediante strumenti che, attraverso i principi dell’acustica, provocano la percezione uditiva e l’esperienza emotiva voluta dall’artista. Il significato del termine musica non è comunque univoco ed è molto dibattuto tra gli studiosi per via delle diverse accezioni utilizzate nei vari periodi storici.

Etimologicamente il termine musica deriva dall’aggettivo greco μουσικός/mousikos, relativo alle Muse, figure della mitologia greca e romana, riferito in modo sottinteso a tecnica, anch’esso derivante dal greco τέχνη/techne. In origine il termine non indicava una particolare arte, bensì tutte le arti delle Muse, e si riferiva a qualcosa di “perfetto”.

TMC Musica

Posted by admin On ottobre - 22 - 2010 Commenti disabilitati

Nasce TMC Musica che si propone come punto di riferimento progettuale per eventi in cui teatro, musica, arte e pensiero etico possono sviluppare nuove dialettiche d’incontro.
TMC Musica, infatti, intende promuovere eventi e concerti musicali presso università, scuole private e statali, istituti, case di riposo, collegi, associazioni, cattedrali, centri di assistenza per minori diversamente abili.

 

www.tmcprogettomusica.comprenota medio

progettomusica@tmccommunication.com

Per i musicisti interessati : inviare curriculum Direzione TMC
Sara’ valutato attentamente il proprio curriculum da musicisti qualificati

Inoltre, organizziamo concerti per congressi, meeting, inaugurazioni aziendali.
Vantiamo artisti professionisti di musica classica, con programmazioni minimo di 2 mesi…

 

© 2010 Notiziario TMC